Cerca nel blog

venerdì 30 marzo 2012

Recensione: Multiversum di Leonardo Patrignani

Titolo: Multiversum
Autore: Leonardo Patrignani
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Pagine: 341
Prezzo: EUR 16,00
"Alex vive a Milano. Jenny vive a Melbourne. Hanno sedici anni. Un filo sottile unisce da sempre le loro vite: un dialogo telepatico che permette loro di scambiarsi poche parole e che si verifica senza preavviso, in uno stato di incoscienza. Durante uno di questi attacchi i due ragazzi riescono a darsi un appuntamento. Alex scappa di casa, arriva a Melbourne, sul molo di Altona Beach, il luogo stabilito. Ma Jenny non c'è. I due ragazzi non riescono a trovarsi perché vivono in dimensioni parallele. Nella dimensione in cui vive Jenny, Alex è un altro ragazzo. Nella dimensione in cui vive Alex, Jenny è morta all'età di sei anni. Il Multiverso minaccia di implodere, scomparire. Ma Jenny e Alex devono incontrarsi, attraversare il labirinto delle infinite possibilità. Solo il loro amore può cambiare un destino che si è già avverato."

La mia recensione:

Se ne era parlato in lungo e in largo e, tra anteprime e teaser sparsi per il web, i lettori di tutta Italia hanno messo Multiversum, debutto dell'autore Leonardo Patrignani, nella loro wishlist, desiderando ardentemente di poter gettarsi a capofitto nel Multiverso di Alex e Jenny.
Io, lo avrete notato se avete tenuto d'occhio il blog, ero proprio tra le persone che attendevano questo romanzo con molta, troppa ansia, e dopo averlo letto in poco più di due giorni sono finalmente pronta a parlarvene!
 
Multiversum è la storia di Alex e Jenny, due sedicenni che vivono normalmente le proprie vite ai capi opposti del pianeta.
Alex è il capitano di una squadra di pallacanestro di Milano, mentre Jenny è una nuotatrice di Melbourne. I due non hanno quasi nulla in comune, se non consideriamo degli "attacchi" che ogni tanto li colpiscono nello stesso momento, facendoli svenire o semplicemente distogliendo la loro attenzione dal mondo intorno a loro. Ma durante questi attacchi, cosa accade? Entrambi si ritrovano nel bel mezzo del nulla. Un nulla in cui l'unica cosa che riescono a sentire sono i pensieri l'una dell'altro.
Proprio attraverso questa loro connessione, dopo che Jenny riesce a comunicare ad Alex dove vive e dove potranno incontrarsi, quest'ultimo con l'aiuto del geniale amico Marco, riesce a partire di nascosto dirigendosi verso Melbourne, felice all'idea di poter finalmente incontrare di persona la ragazza che fino a quel momento aveva creduto solo un sogno. Il giorno dell'incontro arriva, Alex si presenta sul molo, Jenny lo raggiunge... ma i due non riescono a incontrarsi, perché entrambi vivono in due universi paralleli, due mondi che si somigliano ma che in realtà sono completamente diversi tra loro.
Da questo momento, i due ragazzi inizieranno a tentare di raggiungere l'uno l'universo dell'altra, svelando i segreti di un Multiverso che non sembrava poter esistere e verità che erano state celate... e che potrebbero mettere a repentaglio l'esistenza di tutti i mondi.
 
Inutile negarlo: il concetto alla base di Multiversum è, in una parola, affascinante.
Probabilmente saranno in molti ad acquistare questo primo volume di una programmata trilogia, e saranno altrettante le persone che avranno pareri molto contrastanti sull'evoluzione della storia. Io, dal mio punto di vista, l'ho divisa in due parti: la prima dalle tinte sci-fi, che intriga e monopolizza l'attenzione del lettore sulla storia d'amore, e la seconda dalle caratteristiche tipiche del romanzo apocalittico, che risulta leggermente in contrasto con quel che è stato narrato nei capitoli precedenti.
Per tutta la durata della lettura (come ho accennato sopra, poco più di due giorni) sono stata molto combattuta, divisa tra la sensazione che mancasse qualcosa di importante e la certezza che, se sfruttata bene, la saga di Multiversum potrebbe essere una delle migliori mai ideate da un autore nostrano. Comunque, da queste mie sensazioni è scaturito il giudizio finale, che cercherò di spiegare in breve.


Parlando dei lati negativi di questo libro, sono state diverse le cose che mi hanno fatto storcere il naso--tra cui sottolineerei la scarsa caratterizzazione della parte romance. Non nascondo che avrei apprezzato un approfondimento maggiore sui pensieri dei protagonisti e le sensazioni derivate da quel che stava accadendo intorno a loro, ma questo forse perché ho sempre avuto un debole per le narrazioni che coinvolgono il lettore emotivamente. Anche gli stessi personaggi sarebbero potuti essere stati delineati con maggiore attenzione, ma su questo sorvolerei senza troppe storie perché, trattandosi di una saga, ci sarà tempo nei seguiti per approfondirne la conoscenza.
Soffermandomi invece su quel che più ho apprezzato, e a tratti amato, in tutto il romanzo metterei in risalto la fase iniziale, che ha tenuto alto l'interesse su avvenimenti che non mi sarei mai aspettata, e la costante tensione che, nonostante non abbia adorato le scene apocalittiche descritte, è comunque rimasta onnipresente e ha alimentato la mia voglia di mettere al più presto le mani su una copia del secondo volume della saga. Tra tutti gli avvenimenti, inoltre, vorrei sottolineare l'abilità di Patrignani nel chiudere il romanzo, perché con l'ultimo capitolo (e intendo proprio l'ultimo--ultime pagine) mi ha seriamente messo in crisi con un finale totalmente inaspettato e che pretende al più presto un seguito (si, è una minaccia. Non fatemi soffrire con tempi troppo lunghi!).

Quindi, dopo tutto lo sproloquio, consiglierei Multiversum? Beh, direi assolutamente si! Tutti gli amanti del fantascientifico, così come chi voglia dedicarsi alla lettura di un romanzo che sorprende pagina dopo pagina, dovrebbe dare un'occasione a Multiversum. Perché si tratta di un autore italiano *alza la bandiera* che è stato capace di scrivere un romanzo YA (di debutto, inoltre) adatto a un pubblico, perché no, internazionale e che promette di affascinare il lettore ancora di più con i prossimi volumi.

Voto: 3.5/5





E, sapevate? I diritti della saga sono già stati venduti in Francia, Spagna e Germania! :D


Potete acquistare Multiversum in libreria o qui:


L'AUTORE


Leonardo Patrignani è nato a Milano nel 1980. Diplomato al liceo classico Giuseppe Parini, ha intrapreso la carriera musicale col nome d’arte Patrick Wire. Ha girato il mondo con la sua band, i suoi dischi sono venduti dal Canada al Giappone. Cultore dei giochi di ruolo, fermo sostenitore dell’esistenza di forme di vita aliene, di professione doppiatore e lettore appassionato dei romanzi di Stephen King. Il Multiversum è il suo romanzo di esordio.

17 commenti:

  1. Devo assolutamente leggerlo!
    In giro per il web ho trovato molte recensione negative, ma dato che tu lo consigli (e che abbiamo praticamente gli stessi gusti!) lo comprerò sicuramente *annuisce con vigore*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io lo consiglio perché tutto sommato mi è piaciuto e quel finale... Beh, quel finale mi ha lasciata con l'amaro in bocca e sono proprio curiosa di scoprire come l'autore riuscirà a uscirne (in parole povere: il prossimo volume deciderà se questa saga vale davvero o meno). Comunque per il resto è stata una buona lettura, migliore dei soliti romanzi Made in Italy, che ancora non compete con le pubblicazioni straniere ma che promette finalmente qualcosa di buono :)

      Elimina
  2. Oggi lo inizio! U.U Speriamo mi piaccia. Bella recensione! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere cosa ne penserai! :DDD

      Elimina
  3. Io l'ho letto ieri, cominciato e finito [quando avrei fatto meglio a studiare fisica -.-]. Non lo so... Di certo non mi aspettavo una storia del genere. Avevo letto varie recensioni, e sapevo che da metà in poi cambiano totalmente i toni, così ero curiosa di arrivarci e vedere cosa succedeva. Poi, beh. Non amo le storie apocalittiche, la fine del mondo *the end is here, have a nice day e tante care cose, probabilmente non l'avrei letto se lo avessi saputo. Il finale è piaciuto anke a me, però nell'insieme mi ha lasciato un po' disorientata, forse delusa. E cmq tra tutte 'ste realtà parallele io qualche pezzo me lo sono persoxD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Io ho avuto l'impressione che l'autore avrebbe dovuto scrivere quelle due parti separatamente, perché "accelerando" la storia e arrivando alle scene apocalittiche ha un po' variato rotta rovinando l'ambientazione. Comunque se ha fatto in quel modo, spero sia perché nei seguiti scopriremo molto di più!
      Insomma, se decidi di inserirmi le scene apocalittiche nel primo volume di una saga, mi aspetto scene da brividi nei seguiti xD

      Elimina
    2. Credo proprio che il seguito stabilirà se questa è davvero una trilogia che vale la pena leggere...
      Cmq è vero. Anche perchè se *-->spoiler<--* mi fai fare kaboom al mondo nel primo libro, negli altri due? Arrivano gli alieni?xD Ormai mi aspetto tutto da 'sto scrittorexD

      Elimina
    3. Proprio quel che pensavo!!!!! Mi ha letteralmente spiazzata la fine perché mi sono detta "ah, ma allora io non avevo proprio capito un *censura*". Non saprei proprio cosa pensare per i seguiti, quindi se Patrignani se la gioca bene potrei finire per amarli! xD Lo spero!!!

      Elimina
  4. Lo devo leggere anche se avevo delle aspettative alte che ora tu mi hai un po' "abbassato" però rimane comunque nella wish list. M'intriga troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, consigliarlo lo consiglio! xD solo che ho bisogno dei seguiti per sapere se questo vale davvero o meno!!!

      Elimina
  5. visto sono arrivata a metà del libro......e sono curiosa di sapere come finisce visto i vostri commenti... ora vado e finisco di leggerlo poi vi faccio sapere come la penso!!!!!;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere se ti piacerà! :)

      Elimina
  6. bene,bene l'ho finito di leggere proprio ieri........ e che dire !!!!!!!!(precisando che lo stile si sente che è prettamente maschile, e che gli uomini non sono passionali come noi!!!!la loro storia d'amore è stata troppo frettolosa come dico io" SENZA IPERVENTILAZIONE".

    e poi che dire di MEMORIA che sembrava la loro salvezza, si è rivelata bè in pratica una trappola!!!!!in un multiversum che non esiste piu!!!!!!!

    NELL'INSIEME SI, MI è PIACIUTO........ E LA CURIOSITà DI SAPERE COME NE USCIRANNO E GRANDE!!!!!!

    RispondiElimina
  7. A me è piaciuto molto! Non mi aspettavo che lo scrittore riuscisse a fare certi colpi di scena e il finale gli dà quel tocco in più che lo fa competere benissimo con molti altri romanzi fantasy di autori esteri. Sono curiosa proprio di scoprire come fare a spiegare certe cose (il fantasma, la telepatia ecc.) ..non vedo l'ora di leggere il seguito :D Qualcuno di voi sa per quando è previsto?

    RispondiElimina
  8. @Sara, anche io sono curiosa di sapere come continuerà! :)

    @Stella, sono d'accordo! Il finale è sicuramente un tocco di classe e qualcosa che non mi aspettavo da un autore italiano! Spero che il secondo volume sarà ancora meglio :) Ma, purtroppo, per ora non si sa nulla sulla data di uscita!

    RispondiElimina
  9. Questo mi incuriosisce parecchio... ce l'ho in wishlist, cercherò di leggerlo al più presto!

    RispondiElimina

Inserisci qua il tuo commento!