Cerca nel blog

sabato 18 maggio 2013

Recensione: Ink, di Amanda Sun


Titolo: Ink (Paper Gods #1)
Autore: Amanda Sun
Editore: Harlequin Teen
Pagine: 377
Attualmente inedito in Italia!
(Trama tradotta da me)
"In seguito a una tragedia familiare, l'ultima cosa che Katie Greene vorrebbe fare è trasferirsi dall'altra parte del mondo. Bloccata con sua zia a Shizuoka, in Giappone, Katie si sente completamente sperduta. Sola. Non conosce la lingua, non riesce a usare le dannate bacchette, e non sembra riuscire ad abituarsi al doversi togliere le scarpe ogni volta che entra in qualche edificio.
Poi c'è il bellissimo ma strano Tomohiro, star della squadra di kendo della scuola. Come si è procurato quelle cicatrici sul braccio? Katie non è pronta per sapere la rsposta. Ma quando vede i suoi disegni prendere vita, non può più negarlo: Tomo è connesso agli antichi dei del Giappone, e stare vicino a Katie destabilizza le sue abilità. Se le persone sbagliate lo dovessero notare, entrambi sarebbero degli obiettivi fecili.
Katie non volera trasferirsi in Giappone - ora potrebbe non riuscire ad andarsene prima della fine."

La mia recensione:

Ink è il primo romanzo della serie Paper Gods, di Amanda Sun, che verrà pubblicata a fine Luglio, in America, da una casa editrice di cui solitamente adoro ogni singola pubblicazione: la Harlequin Teen. Questa volta, però, mi accingo a scrivere una recensione alquanto negativa, contro ogni mia aspettativa. Avete letto quella sinossi, vero? Ink ha tutti gli elementi per essere una grande storia: una mitologia nuova e innovativa, un'ambientazione completamente diversa da quello a cui siamo abituati e personaggi promettenti.
La Sun, tuttavia, ha buttato tutto all'aria.

Katie con Tomohiro
La narrazione, come da trama, gira intorno a Katie Greene che, in puro stile Young Adult stra-sentito, si trasferisce in Giappone - ecco la novità - e inizia la sua nuova vita, di cui vi risparmio i dettagli ben ricercati dall'autrice e molto approfonditi sulle abitudini dei giapponesi, le loro usanze, etc. Vi dirò semplicemente che...
No, non vi dirò niente. Perché non succede niente.
Non voglio prendere in giro nessuno: non sono riuscita a finire Ink. Sono arrivata a circa il 70% sul mio Kindle e dopo una fatica immane per riuscire a raggiungere quel punto... l'ho mollato. Perché era noioso, assurdo e stupido. L'autrice ha preso una qualsiasi storia già sentita e stra-sentita e l'ha spostata in Giappone, facendola evolvere in puro stile MANGA, contornando qualcosa che pur aveva una piccolissima chance con dei personaggi stupidi, assurdi e poco realistici. Personaggi che, tremate al mio 3, erano la perfetta (1) trasposizione (2) di Twilight oltremare (3). Escludendo il fatto che gli unici con un minimo di spessore fossero i due protagonisti, Katie e Tomohiro, si aggiunge il fatto che entrambi fossero due stereotipi viventi, ossia:

  • Katie, ragazza appena trasferitasi in una nuova città (Shizuoka), senza genitori, vive dalla zia facilmente soggiogabile quando la nostra protagonista ha bisogno di scappare felice per i prati pedinando come una vera idiota il maschio Alfa della situazione. Ovviamente non si lascerà di certo convincere dalle persone che la mettono in guardia da lui, perché lei 'knows better'. Lei sa che in realtà dentro quel cuore malato si nasconde un ragazzo dal cuore d'oro, anche se lo stesso ragazzo dal cuore d'oro ben nascosto continua a trattarla come una pezza.
  • Tomohiro, ragazzo bad boy della scuola, star del team più amato (Kendo) e misterioso come pochi - nessuno, anzi. A detta di Katie, a volte sembrano sfuggirgli brevi sorrisi criptici e alquanto stalkerish che non vengono descritti - quindi io me li sono persi tutti -, e questo basta e avanza per convincerla a pedinare per i boschi, per le strade più malfamate di Shizuoka un ragazzo che si crede abbia connessioni con la Yakuza e che si dice (male lingue, dico io!) abbia picchiato a sangue il suo miglior amico e quasi levatogli un occhio. Tomohiro è infatti così pieno d'amore che per allontanarla da sé 'metterà in scena' uno stupro, non arrivando però al dunque. Concluderà con un simpatico-quanto-una-bocciatura 'siete tutte così, voi donne occidentali!'.

Questi sono i due casi umani a cui Ink ci sottopone e, sì, li ho descritti così bene che sono fiera di me stessa. Una storia promettente, questo ci tengo a sottolinearlo, narrata e accompagnata da due casi umani di queste dimensioni. Non dimentichiamoci poi l'aggiunta del terzo incomodo, che viene solo abbozzato in questo primo volume, ma è già possibile dire che...

  • Jun, all'apparenza ragazzo della porta accanto - ma sono pronta a scommettere nasconda un segreto tanto quanto il simpatico-quanto-una-bocciatura-prima-della-laurea Tomohiro. È bellissimo, ovviamente, e sembra avere anche lui una fissa per la protagonista (a quanto pare le bionde in Giappone fanno faville!), ma la sua attrazione verso di lei è apparentemente più sana e in egual misura ignorata.

Questo è Ink. Prima di iniziarlo ero così piena di aspettative... forse per la cover, forse per la premessa, ero certa l'avrei adorato. In Giappone, poi! Ambientato dove nello stesso Paese di tutti i miei manga preferiti! Eppure, la Sun non è riuscita nel suo intento e nonostante una scrittura apprezzabile e approfondimenti culturali perfetti, Ink risulta scialbo e per niente godibile. I personaggi da lei descritti sono a dir poco odiosi e stupidi, la mitologia è, purtroppo, sprecata.
Come si dice: non giudicare un libro dalla cover.
So che lo rifarò, ma questo è uno di quei casi che mi rimarranno impressi.

Trama: promettente.
Personaggi: inutili. Da riscrivere.
Scrittura: accettabile.
Difficoltà in lingua: 7/10 perché si aggiunge anche il giapponese e descrizioni del luogo.
Edizione: ARC fornita dall'editore.
Personale: una vera delusione.
VOTO: 2/5 solo per l'idea di base.





Volendo rischiare, potete acquistare Ink QUI:


L'AUTRICE

Amanda Sun è un'autrice YA che scrive di storie ambientate nel Giappone del kendo, del supernaturale e dei bei ragazzi. Ink, il primo romanzo della serie Paper Gods, verrà pubblicato a Luglio 2013 dalla Harlequin Teen.

11 commenti:

  1. Un vero peccato, anche io avevo adocchiato Ink ma ormai sono certa che non lo leggerò. Quasi quasi tiro un sospiro di sollievo, la mia WL fa già abbastanza paura per numero di libri.
    P.s. Al tuo 3 ho tremato come non mai. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, levalo dai to read perché proprio non merita... che peccato.
      E quel 3 ci sta tutto.

      Elimina
  2. Peccato! Mi ispirava moltissimo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto ispirava me :( è stata una vera delusione!

      Elimina
  3. Una cosa mi sento di dire: speriamo non lo traducano in italiano, altrimenti diventa un Best Sellers.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, sai... La copertina mi sembra molto Italia-friendly... SIGH

      Elimina
  4. Che delusione, la trama è veramente originale, per non parlare dell'ambientazione, il giappone è qualcosa di nuovo. Peccato per questo potenziale, non sfruttato, e reso banale!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Banalizzato fino ALL'OSSO. Tanto vale leggere un manga, che sono anche più interessanti.

      Elimina
  5. Quando ho visto la cover e ho letto la trama, ho pensato "Wow, qualcosa di originale!"
    Poi ho letto la recensione... Peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un GRAN peccato. A volte le autrici sanno proprio uccidere le proprie storie.

      Elimina
  6. In effetti mi sembrava molto originale la storia, l'avevo inserito anch'io in WL. L'ambientazione giapponese mi è sempre piaciuta, ma non aspiro a leggere libri noiosi o poco originali, anche perchè anch'io ne ho una marea da leggere e sicuramente ce ne sono di più urgenti e interessanti ad aspettarmi!;)

    RispondiElimina

Inserisci qua il tuo commento!