Cerca nel blog

domenica 29 luglio 2012

In My Mailbox #33

Rubrica presentata dal blog The Story Siren 

Torna la rubrica In My Mailbox, in cui per partecipare basterà parlare dei titoli che avete acquistato/ricevuto/preso in prestito/qualsiasi-altra-via-possibilmente-legale durante la settimana!!

Cartacei

 

Acquisti
Torn (Trylle Trilogy #2), di Amanda Hocking
Ricevuti (per recensione)
Caccia alle Fate (Paranormalmente #2), di Kiersten White

In questo momento sto leggendo Caccia alle Fate, che trovo davvero simpaticissimo, mentre Torn mi aspetta da un po' sul comodino, pronto per esser letto ma sempre surclassato da nuovi titoli che NetGalley continua ad accettare - sembra quasi che lo faccia a posta, ma chi sono io per dirgli di no!

Ebook

  
  

Acquisti
Angelfall, di Susan Ee
Chi è Mara Dyer, di Michelle Hodkin
Ricevuti (per recensione)
Slave, di Sherri Hayes
Need, di Sherri Hayes
The Assassin's Curse, di Cassandra Rose Clarke - in uscita il 2 Ottobre!
Beautiful Disaster, di Jamie McGuire

NetGalley, la mia più grande maledizione e contemporaneamente la mia più grande benedizione. Tutto merito suo se ho potuto divorare Slave e Need, come anche il poter divorare a breve The Assassin's Curse e Beautiful Disaster! Intanto ho già finito di leggere Angelfall (a giorni la recensione!) e Chi è Mara Dyer (recensione qui!)!

***

Che cosa c'è nella vostra Mailbox? :D

venerdì 27 luglio 2012

Recensione: Angelfall (Penryn & the End of Days #1) di Susan Ee

Titolo: Angelfall (Penryn & the End of Days #1)
Autore: Susan Ee
Editore: FeralDream
Pagine: 255
Genere: Post-Apocalittico
Attualmente inedito in Italia!
(Trama tradotta da me)
"Sono passate sei settimane da quando gli angeli dell'apocalisse sono discesi sul mondo che conosciamo. Per strada le bande di teppisti governano il giorno mentre la paura e la superstizione regnano sulla notte. Quando i guerrieri angelici volano via con una bambina indifesa, la sorella di diciassette anni, Penryn, farà di tutto per riaverla indietro.
Tutto, incluso fare un patto con un angelo nemico.

Raffe è un guerriero che giace sconfitto e senza ali in mezzo a una strada. Dopo eoni passati a fronteggiare le proprie battaglie, si ritrova salvato all'ultimo momento da una ragazza affamata.

Viaggiando attraverso un Nord California oscuro e malato, devono fidarsi l'uno dell'altra per sopravvivere. Insieme, cercheranno di raggiungere l'accampamento degli angeli dove lei rischierà tutto per salvare la sorella e lui si metterà a disposizione dei suoi più grandi nemici nella speranza di riavere le proprie ali."

La mia recensione:
 
Se c'è un filone a cui proprio non riesco a resistere, quello è proprio il Post-Apocalittico. Ne sono una feticista. Lo adoro alla follia. Leggerei milioni di romanzi tutti con la stessa trama e nomi diversi solo perché ambientati in mondi simili.
Aggiungiamoci una mitologia da brividi e personaggi fantastici e quello sarà il mix capace di uccidermi.

La storia narrata da Susan Ee è quella di Penryn, una ragazza che da ormai sei settimane sta vivendo l'Apocalisse.
Nella sua vita Penryn ha una sola missione: sopravvivere... e badare anche alla madre dai comportamenti inquietanti e alla sorellina di sette anni, Paige, che dopo un incidente avvenuto anni prima ha perso l'uso delle gambe. Per portare a termine il suo obbiettivo, però, l'unico modo è spostarsi il più spesso possibile, e quale momento migliore per far ciò se non la notte, quando nessuno osa allontanarsi dal proprio nascondiglio per paura degli angeli? Ma Penryn lo sa, gli angeli non passano mai dalla cittadina in cui vive, per cui la corsa contro il tempo per trovare un nuovo rifugio procede senza problemi... fin quando dal cielo non viene catapultato un angelo a cui, poco dopo, vengono tagliate le ali. Nella foga del momento, dopo aver intimato alla sua famiglia di correre il più lontano possibile, Penryn salverà l'angelo caduto dai nemici che, nonostante i tentativi della sorella di impedirlo, fuggiranno in volo portando con loro una Paige sola e impaurita...
Adesso Penryn ha solo uno scopo: introdursi nella tana del nemico e salvarla. E quale modo migliore per farlo se non con l'aiuto dell'angelo caduto Raffe, che rivuole le proprie ali?

“Sei come una bambina che fa domande durante un'operazione in incognito. Perché il cielo è blu, papino? Posso chiedere a quel signore con il fucile dov'è il bagno? Se non stai zitta, ti lascerò indietro." - Raffe a Penryn

Come descrivereste il romanzo sugli angeli più incredibile che abbiate mai letto? Come fareste capire alle persone che vi leggono quanto ne abbiate amato ogni singola riga?
Come sempre, meglio andare per gradi.
Principalmente, Angelfall nasce come un romanzo auto-pubblicato, motivo per cui mi sento di elogiare come non mai la Ee, capace di scrivere un libro vero, con personaggi veri, con una storia incredibilmente assuefacente, una realtà cruda e non sempre felice, una sana dose di ironia, un'ambientazione da brividi e una scrittura che farebbe invidia a molti scrittori di best-seller, raggiungendo un enorme successo senza alcun nome dietro le spalle se non il proprio. Cari editori di tutto il mondo, sono questi i romanzi su cui dovete puntare, non le solite fesserie da quattro soldi! Non qualche autore diventato famoso grazie a una stupida fan fiction, non scrittori che raccontano sempre. La. Stessa. Solfa... Questo.
Angelfall ha tutto, e voi volete leggerlo.

"Tu," dice con uno sguardo di disprezzo, "non meriti la salvezza."
"Come se tu potessi darmela," gracchio. "E in ogni caso perché dovrei voler andare in Paradiso quando è pieno zeppo di omicida e rapitori come te e i tuoi amichetti?"
"Chi dice che vengo dal Paradiso?" - Raffe e Penryn

I personaggi sono tutti incredibilmente delineati e per nulla scontati. Partendo dalla protagonista Penryn, una ragazza che fino a sei settimane prima frequentava un normale liceo, che si confronta senza paura con uomini molto più grossi di lei a parole (che lingua, ragazzi!) e a suon di pugni. L'ennesima eroina con i super poteri? No! Non scherzo quando dico che la Ee è un'autrice che merita, perché Penryn ha studiato arti marziali sin dall'infanzia sotto le pressioni di una madre folle e convinta della presenza di demoni nel nostro mondo - lei stessa ogni tanto dice di essere vittima di sadiche scommesse con quei demoni e gira per le strade truccando i cadaveri con rossetto e non solo. Inoltre quando Penryn combatte, lo fa nei minimi dettagli grazie a delle descrizioni vivide e ragionate di ogni scena, dimostrazione di come la Ee conosca bene ciò di cui scrive.
Poi abbiamo la sorellina Paige, a cui vi affezionerete come non mai, e molti altri personaggi fantastici tra cui una menzione d'onore va, ovviamente, a Raffe, il bellissimo angelo millenario che, no, non è assolutamente come gli angeli di cui avete letto fin'ora. Raffe è una macchina da guerra, sicuro di sé e intenzionato a riprendersi le proprie ali. Non è il principe azzurro e non corre alla prima occasione in aiuto dei più deboli - o di Penryn! - ma saprà conquistarvi in milioni di modi diversi.

“Gli amici mi chiamano Furia," dice Raffe. "I nemici mi chiamano Ti Prego Abbi Pietà. Qual è il tuo nome, soldatino?” - Raffe

Per quanto riguarda invece la storia, niente è lasciato al caso e l'autrice riuscirà a impressionarvi, farvi piangere e ridere come solo pochi possono fare. Le ambientazioni sono studiate tutte nei minimi dettagli e credo sia importante sottolineare come moltissime scene siano crude e, soprattutto per chi non è abituato a leggere situazioni simili, potrebbero essere ritenute troppo violente e paurose. La mitologia della Ee è assolutamente nuova e innovativa e mentirei se vi dicessi che questo libro non è ufficialmente entrato a far parte dei miei preferiti.

Consigliato a tutti, senza eccezione di colpi, Angelfall è una di quelle storie che non vi lascerà andare per molto, molto tempo.

Voto: 5/5 e mi fermo qui altrimenti potrei elogiarlo ancora per ore.
Ebook o Cartaceo?
CARTACEO, anche se l'ebook viene poco più di 2 euro!

giovedì 26 luglio 2012

Anteprima: "L'età dei Miracoli" di Karen Thompson Walker, dal 28 Agosto in libreria!!

Un nuovo romanzo Post-Apocalittico è pronto a sbarcare nelle librerie italiane a fine Agosto. Apprezzato dai lettori oltremare, L'età dei Miracoli promette di appassionare i lettori con una storia nuova e innovativa, che vede il nostro pianeta misteriosamente rallentare il suo corso...


Titolo: L'età dei Miracoli
Titolo Originale: The Age of Miracles
Autore: Karen Thompson Walker
Editore: Mondadori
Pagine: 250
Prezzo: EUR 18,50
Data di uscita: 28 Agosto 2012

"- Il 6 ottobre, gli esperti comunicarono ufficialmente la notizia. Dissero che c’era stato un certo cambiamento, un rallentamento. Da quel momento lo abbiamo chiamato proprio così: il rallentamento.-
Julia ha dodici anni quando la terra inizia a rallentare la sua rotazione, prima di sei minuti, poi dodici, poi ventiquattro, fino a quando il giorno si allunga oltre le cinquanta ore, la gravità si indebolisce, gli uccelli smettono di volare, gli astronauti si allontanano dalla terra, compare una nuova malattia chiamata “sindrome da rallentamento”... La terra inizia a cambiare e Julia con lei. E mentre il mondo impaurito si divide tra coloro che continuano a seguire le ventiquattro ore e quelli che si regolano con la luce del sole, Julia cerca di trovare il proprio posto nonostante tutto: nonostante la migliore amica che decide di non vederla più, nonostante le crepe nel matrimonio dei suoi genitori e le paranoie del nonno stravagante, e poi ancora la solitudine, l’adolescenza con tutti i suoi turbamenti, quell’ “età dei miracoli” piena di paura ed eccitazione, e un ragazzo di cui innamorarsi davvero... Intanto il rallentamento, inesorabile, continua."

***

L'età dei Miracoli è un romanzo che mi intriga molto e sono curiosa di averlo tra le mani per poterlo leggere!
Anche voi lo state aspettando? :D

mercoledì 25 luglio 2012

Recensione: Chi è Mara Dyer di Michelle Hodkin

Titolo: Chi è Mara Dyer
Autore: Michelle Hodkin
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Pagine: 430
Prezzo: EUR 16,00
Disponibile anche in Ebook
"Era solo un gioco. Eppure Mara non voleva partecipare alla seduta spiritica con le sue amiche Rachel e Claire. Sei mesi dopo, Mara si risveglia dal coma in una stanza di ospedale. E le sue amiche sono morte. Cos'è successo quella notte al manicomio abbandonato? Perché Mara è l'unica sopravvissuta? Orribili allucinazioni iniziano a perseguitarla e un dubbio si insinua nella sua mente: e se fosse stata lei a causare quelle morti, come aveva predetto la seduta spiritica? L'incontro con il turbolento, bellissimo Noah potrebbe essere la sua salvezza o la sua definitiva condanna. Perché anche Noah ha un segreto, legato al grande mistero che la tormenta: chi è Mara Dyer?"

La mia recensione:

Di questo romanzo si è parlato. E non poco. Ho letto opinioni estasiate che innalzavano il talento della Hodkin e altre in cui sembrava di aver davanti uno dei libri peggiori della storia.
E per me? Io sono... a metà.


Chi è Mara Dyer è il titolo di questo romanzo e, credetemi, ve lo spiega meglio di qualunque mio tentativo. Mara è la protagonista e non ricorda niente di ciò che è accaduto la notte in cui un ospedale in rovina è caduto addosso a lei, il fidanzato Jude, la sorella di quest'ultimo e la sua migliore amica. È stata in coma, si è risvegliata, ma non ricorda assolutamente nulla e la sensazione che questo vuoto le causa non è catalogabile. Nessuno conosce la verità, quindi quando arriva il momento per Mara di trasferirsi, cambiare casa, conoscere nuove persone e iniziare una nuova vita, le inspiegabili morti delle persone che la circondano - tutte, stranamente, persone che Mara odia - e l'aiuto del bellissimo e misterioso Noah potrebbero essere la via d'uscita da quel vuoto di memoria che sembrava impossibile superare.

Questo romanzo mi ha confusa. L'ho iniziato con la voglia di leggere qualcosa di nuovo e credo (?) di essermi ritrovata con una storia molto originale da cui, fino a un certo punto, non sapevo proprio cosa aspettarmi... però è proprio quel "a un certo punto" che mi ha costretta ad abbassare drasticamente il mio giudizio.
Chi è Mara Dyer si è diviso, per me, in due parti: durante la prima ero in estasi, leggendo la seconda non riuscivo a smettere di sbadigliare. Fino alla prima metà non facevo altro che innalzare l'originalità dell'autrice, il sarcasmo di Noah e i battibecchi con Mara, l'evoluzione della storia e... e con solo un capitolo tutto questo è sfumato, distrutto, eliminato con pochi paragrafi assurdamente prevedibili e scontati, spesso noiosi e interminabili che mi hanno fatto ridere in alcuni punti e alzare il sopracciglio (almeno, il sopracciglio mentale visto che in realtà non ci riesco) in altri. Avrei voluto prendere a schiaffi l'autrice perché, dacché la storia si era presentata perfetta, di punto in bianco è riuscita a rovinare tutto.

Ho odiato il modo in cui, da un punto in poi, Mara non sia più stata capace di dare il giusto peso alle sue azioni e conseguenze. Non mi è piaciuto il modo in cui si è approcciata alle sue capacità e la sua mancanza di sensibilità - gli unici momenti in cui ne ha dimostrata li ho trovati spinti e difficilmente credibili. Mi è piaciuto il modo in cui durante la storia la Hodkin non mi abbia fatto capire se la sua protagonista fosse pazza o semplicemente incompresa (ho avuto le stesse sensazioni guardando tempo fa il Cigno Nero LOL), anche se avrei preferito qualche chiarimento per la fine del romanzo, invece di dover aspettare la pubblicazione del seguito - che leggerò perché sono comunque curiosa di capire... qualcosa.

Chi è Mara Dyer è stata una lettura veloce, piena di azione e confusionaria. Le scene che avrebbero dovuto stupirmi si sono rivelate scontate anche se scorrevoli e l'autrice non ha lasciato capire nulla al lettore. Ora la mia unica domanda è: con il seguito ci sarà un cambiamento radicale pensato in origine o tutte le scene che si leggono in questo primo volume sono state scritte senza un preciso motivo e giusto per creare l'ennesimo "caso editoriale" tutto fumo e niente arrosto? Io tenderei per la seconda, ma mai dire "mai"!

Consiglio questo romanzo a chiunque abbia voglia di una lettura veloce e senza pretese, con una trama diversa dal solito e un mistero tutto da scoprire.

Voto: 3/5
Ebook o Cartaceo?
Cartaceo solo se ne avete l'occasione, altrimenti Ebook!

martedì 24 luglio 2012

Cover of the Week #13

Tra una mattinata al mare e un pomeriggio... al mare, eccomi finalmente di ritorno-non per molto, purtroppo-e pronta con una nuova puntata di Cover of the Week, la rubrica in cui vi mostrerò una o più copertine che mi hanno particolarmente colpita durante la settimana!

Per quest'oggi la cover è una sola, di un romanzo che ho letto poco tempo fa e che mi ha rubato il cuore. Presto ve ne parlerò ancora, ma intanto...


"Sono passate sei settimane da quando gli angeli dell'apocalisse sono discesi sul mondo che conosciamo. Per strada le bande di teppisti governano il giorno mentre la paura e la superstizione regnano sulla notte. Quando i guerrieri angelici volano via con una bambina indifesa, la sorella di diciassette anni, Penryn, farà di tutto per riaverla indietro.


Tutto, incluso fare un patto con un angelo nemico.

Raffe è un guerriero che giace sconfitto e senza ali in mezzo a una strada. Dopo eoni passati a fronteggiare le proprie battaglie, si ritrova salvato all'ultimo momento da una ragazza affamata.



Viaggiando attraverso un Nord California oscuro e malato, devono fidarsi l'uno dell'altra per sopravvivere. Insieme, cercheranno di raggiungere l'accampamento degli angeli dove lei rischierà tutto per salvare la sorella e lui si metterà a disposizione dei suoi più grandi nemici nella speranza di riavere le proprie ali."



Angelfall, di Susan Ee
pubblicato nel 2011 in patria.
Inedito in Italia!


***


Un romanzo che tutti gli appassionati - come me - di romanzi post-apocalittici scritti non-bene-ma-meglio dovrebbero avere. La copertina, nonostante non sia stata pubblicata da una casa editrice, è bellissima e ogni volta che la vedo anche solo di sfuggita non posso trattenere nemmeno un sospiro!

lunedì 23 luglio 2012

It's Monday! What Are You Reading? #22


Nuovo appuntamento con la rubrica settimanale It's Monday! What Are You Reading? In cui, per partecipare, vi basterà commentare scrivendo quali romanzi state leggendo in questo momento, quali avete finito di leggere nell'ultima settimana e quali leggerete prossimamente!
Siete pronti? Iniziamo!



Cosa ho finito di leggere


 

Slave (Finding Anna #1), di Sherri Hayes
Need (Finding Anna #2), di Sherri Hayes

La serie di libri "Finding Anna" si concentra sulla storia di Brianna, una ragazza tenuta come schiava in casa di un uomo per dieci mesi e liberata/comprata da Stephan, un ricco ragazzo che lentamente cercherà di convincerla a tornare a vivere come donna libera. Letti in un giorno ciascuno, ho amato la sensibilità dimostrata dall'autrice!

Cosa sto leggendo




Come credevo, Caccia alle Fate si sta rivelando una lettura divertentissima! Ho riso come una stupida solo nella prima pagina e più vado avanti, più sono curiosa di sapere come la storia continuerà a evolvere.

Cosa leggerò in seguito (se tutto va bene)


 

Whirl (Ondine Quartet #1), di Emma Raveling
Torn (Trylle Trilogy #2), di Amanda Hocking

Il primo romanzo è sul mio kindle da un po', ma dopo aver letto la recensione del blog DIAVS ho deciso di leggerlo al più presto, mentre Torn è sul mio comodino che aspetta di essere divorato! Riuscirà a stupirmi? Lo vedremo :D

***

Come è andata invece la vostra, di settimana? :)

giovedì 19 luglio 2012

Io voglio troppi libri! #17


Nuova puntata della rubrica Io voglio troppi libri, presentata da questo blog e priva di qualsiasi scopo se non quello di spettegolare su libri che ci incuriosiscono e di cui voglio parlarvi, pubblicati da anni o nuovi di zecca, per ossessionare me e far impazzire voi! :D

Titolo: Sweet Evil (The Sweet Trilogy)
Autore: Wendy Higgins
Editore: Inedito--Editori italini, pubblicatelo!
Pagine: 447
Sinossi tradotta da me
"Cosa succederebbe se esistessero ragazzi le cui vite dipendessero interamente dalle cattive influenze?
E' questa la realtà dei figli e le figlie degli angeli caduti.
La gentile ragazza del Sud Anna Whitt è nata con un sesto senso che le permette di vedere e provare le emozioni delle altre persone. Sa anche di essere inspiegabilmente attratta dal pericolo, ma Anna, la brava ragazza per eccellenza, ha sempre avuto il vantaggio di avere un lato angelico per bilanciare le ombre che la perseguitano. Ma raggiunti i sedici anni e incontrato l'affascinante Kaidan Rowe, Anna scoprirà la terribile verità del suo retaggio e la sua forza di volontà verrà messa alla prova.
E' lui il ragazzo da cui vostro padre ha detto di stare alla larga.
Se soltanto qualcuno avesse avvertito anche Anna."
 

Ho letto diversi libri che si soffermavano sulla figura degli angeli caduti, ma solo uno è riuscito a mantenere alte le mie aspettative per tutto il tempo! Che dire? Voglio Sweet Evil! Anche se aspetterò almeno il seguito per decidere se acquistarlo o meno...

Titolo: My Soul to Take (Soul Screamers #1)
Autore: Rachel Vincent
Editore: Inedito--Editori italini, pubblicatelo!
Pagine: 279
Sinossi tradotta da me
"Non vede i morti. Sente quando qualcuno vicino a lei sta per morire. E quando ciò accade, una forza che non riesce a controllare la costringe a gridare per un sanguinoso omicidio. Letteralmente.
Kaylee vuole solo godersi le attenzioni del ragazzo più bello della scuola. Ma un appuntamento normale è difficile quando Nash sembra sapere molto più di lei sul suo bisogno di gridare. E quando i suoi compagni di scuola iniziano a morire senza apparente motivo, solo Kaylee sa chi sarà il prossimo."


La saga Soul Screamers in patria ha ottenuto un grande successo e grazie a quest'ultimo mi attira da morire. Insomma, l'ultima saga che mi è stata consigliata è L'Accademia dei Vampiri, che ormai amo... come resistere anche a questa?!

Titolo: Tiger's Curse (The Tiger Saga #1)

Autore: Colleen Houck
Editore: Inedito--Editori italini, pubblicatelo!
Pagine: 448
Sinossi tradotta da me
"Passione. Destino. Lealtà.
Rischieresti tutto per cambiare il tuo destino?
L'ultima cosa che Kelsey Hayes avrebbe mai pensato era passare quest'estate cercando di spezzare una maledizione indiana vecchia di 300 anni. Accompagnata da una misteriosa tigre bianca chiamata Ren. Girando per il mondo. Ma è proprio questo ciò che accade. Faccia a faccia con forze oscure, magia affascinante e mondi mistici dove nulla è ciò che sembra, Kelsey rischierà tutto per rimettere insieme i pezzi di una antica profezia che potrebbe spezzare per sempre la maledizione."

Ho sentito grandi cose su questa saga composta di cinque volumi e di cui il quarto sarà pubblicato a giorni, e ho BISOGNO di averla tra le mani il prima possibile. Unico difetto? Il quinto volume uscirà solo l'anno prossimo, quindi mi sa tanto che aspetterò prima di procurarmeli tutti in un sol boccone!

***

E allora, vi piacciono i romanzi di oggi? Li conoscevate già? Per questa puntata ho scelto solo inediti, ma tutti romanzi che mi attirano davvero tantissimo... si sa, io voglio troppi libri LOL

martedì 17 luglio 2012

Copertina ufficiale per THE INDIGO SPELL, di Richelle Mead!

Lo so, lo so che vi mancano tanto gli aggiornamenti giornalieri del blog, ma tranquilli! Cercherò di tanto in tanto di tornare dalle Land-of-Nowhere dove mi hanno incatenata. Intanto, sfruttando uno dei pochi momenti in cui la linea è di nuovo tra le mie mani, eccomi qui per mostrarvi quella che è la copertina DEFINITIVA-anche se l'autrice ha detto che subire delle piccole modifiche in seguito-del terzo romanzo della saga Bloodlines, spin-off dell'Accademia dei Vampiri (ricordo che quest'anno in Italia uscirà il quinto, Spirit Bound!), THE INDIGO SPELL!


#modalitàFangirlON
Ma... MA!!! Non è BELLISSIMA???? Ha tutto quel che si potrebbe desiderare in una copertina! *_* E i personaggi? SYDNEY!!!!!! Quella modella è davvero PERFETTA! E Adrian!!!!!!!!!!!!!!! E... E... Anche LUI! I TATUAGGI! Voglio anche io il giglio degli Alchimisti!
Datemi THE INDIGO SPELL. ORA.
#modalitàFangirlOFF

Mi piace il fatto che l'editore continui a rimanere sul tema delle prime due cover, con gli stessi attori. Lo adoro in tutti i romanzi in cui succede ma con questa saga in particolare!!

Che ne pensate, vi piace? :D

La serie è per ora composta da...

sabato 14 luglio 2012

Recensione: The Vincent Brothers di Abbi Glines

Titolo: The Vincent Brothers
Autore: Abbi Glines
Editore: Amazon Media
Formato: Ebook, Kindle
Prezzo: EUR 3,31
Inedito in Italia, ma facilmente comprensibile.
"Potrà anche averla persa senza combattere, ma Sawyer Vincent non si arrenderà facilmente prima di dire addio alla ragazza che ha amato tutta la vita. Piuttosto che dire addio al suo migliore amico e alla ragazza con cui credeva avrebbe trascorso tutta la vita, ha dato ad Ashton e suo fratello Beau la sua benedizione. Però abituarsi a vedere Ashton tra le braccia di Beau non è facile. A complicare ancora di più le cose, si aggiunge anche la cugina di Ashton, Lana, che trascorrerà l'estate in città. La dolce, gentile ed educata Lana, che lentamente lo conquisterà. Solo stare vicino a lei gli fa dimenticare Ashton e il suo cuore spezzato. Lana è tutto ciò che avrebbe voluto fosse Ashton, solo che non è lei. Le manca il coraggio di difendersi da sola e la confidenza che Ashton porta come una corona.
Lana McDaniel ha vissuto tutta la vita nell'ombra di sua cugina. Mnetre Lana si impegnava con i suoi voti, nonostante quanto si impegnasse la madre lodava l'intelligenza di Ashton. Non era stata graziata dai biondi capelli della cugina e la sua pelle perfetta, ma ciò non tratteneva la madre dal lamentarsi per i suoi capelli rossi e le sue lentiggini. Ma niente di tutto ciò sarebbe importato se Ashton non avesse sempre avuto Sawyer Vincent legato al dito -- l'unico ragazzo che Lana desideri. Una volta che Ashton aveva lasciato andare Sawyer, Lana era così sicura che lui sarebbe andato avanti.
Determinata a farsi finalmente vedere da Sawyer, chiederà alla madre di lasciarle trascorrere l'estate con Ashton. Ma Sawyer ama ancora la cugina, e Lana non vuole essere solo una ragazza di passaggio. Nonostante i fantastici baci di Sawyer Vincent."

La mia recensione:

Abbi Glines è come un negozio di caramelle. Ogni volta che desidero leggere un preciso cliché--perché ogni tanto la voglia c'è--ambientato in un romance contemporaneo, leggere uno dei suoi romanzi è il modo migliore e indolore per non rimanere delusi.
E The Vincent Brothers è stato davvero incredibile.

Nel primo romanzo della serie sui fratelli Vincent abbiamo letto la storia di Beau, da sempre innamorato della bellissima Ashton, e di quest'ultima, che alla fine lo ha scelto di fronte a chiunque altro. In The Vincent Brothers, è ora il momento di rincontrare Sawyer, il bel respinto dagli occhi chiari e i capelli scuri, il "bravo ragazzo", e la cugina di Ashton, Lana, la "ranocchia" che dopo aver saputo che il ragazzo dei suoi sogni è di nuovo single, ha deciso di cambiare completamente.
Ora Lana, nonostante non ne sia proprio certa, è diventata una ragazza che potrebbe colpire anche il più indifferente degli uomini... e Sawyer è nel suo radar.
Contemporaneamente quest'ultimo, il fratello/cugino di Beau, è intenzionato a riavvicinarsi ad Ashton, anche a costo di giocare sporco. E quale modo migliore di farlo se non attraverso la bellissima Lana? Anche se questa ragazza potrebbe trovare un modo per colpirlo più in profondità di quanto si aspettasse...

Basta dolci, c'è Abbi Glines!
Lo ammetto. La trama di The Vincent Brothers mi colpisce nel profondo. E' uno di quegli intrecci a cui proprio non posso resistere e che, anche se so cosa accadrà durante tutta la lettura, finisco sempre per divorarlo e volerne solo di più. Cosa posso farci? E' il mio guilty pleasure.
Ho adorato TVB perché aveva tutto quel che, nel momento in cui l'ho letto, desideravo (e che desidero tutt'ora). Una storia super-mega-ultra diabetica, un bravo ragazzo che diventa un bad boy irresistibile e una ragazza a volte insicura ma motivata e affascinante che riuscirà a rubargli il cuore grazie a tantissime scene scontate ma perfette. Il tutto accompagnato dallo stile scontato ma perfetto di Abbi Glines.
Dio mi aiuti, la adoro.
I personaggi sono quelli che avevamo già incontrato, ma visti sotto un profilo differente. Ho amato Lana e il suo carattere, perché è uno di quei personaggi in cui una ragazza riesce facilmente a immedesimarsi, e ho sospirato grazie a Sawyer, che lentamente ha imparato ad amare davvero. Le scene diabetiche, così come quelle dove una bella doccia fredda avrebbe aiutato, non sono mancate e, anzi, la mia adorata Abbi ne ha piantate tante ovunque per la mia gioia peccaminosa. Ho divorato The Vincent Brothers, e non mi vergogno a dire che sto contando i giorni che mi separano dall'uscita di Agosto di While it Lasts, nuovo romanzo dell'autrice.

Consiglierei questo romanzo a tutti quei lettori che abbiano voglia di un romanzo dolce e super-mega-ultra diabetico che vi farà sorridere, sospirare e sognare.
Ogni tanto un libro simile ci vuole.

Voto: 3/5 basato solo su quanto lo abbia adorato.
Ebook o Cartaceo?
Per ora c'è solo in ebook, altrimenti avrei detto cartaceo!

venerdì 13 luglio 2012

Anteprima: "Il Diario di London Lane", di Cat Patrick!

Il genere Urban Fantasy ha ormai raggiunto il suo apice con moltissime saghe capaci di rubare il cuore dei propri lettori, ma gli autori stranieri come nostrani continuano a inventare e a tirare fuori nuove idee sempre più avvincenti. Oggi vi parlerò di un romanzo la cui protagonista continua a svegliarsi ogni mattina senza ricordo del suo passato, e che mi intrigava da un bel po'... Il Diario di London Lane!


Titolo: Il Diario di London Lane
Titolo Originale: Forgotten
Autore: Cat Patrick
Editore: Fazi
Collana: Lain
Pagine: 350
Prezzo: EUR 9,90
Data di uscita: 20 Luglio 2012
 
 Trama
 
"London Lane ha sedici anni e ogni volta che si addormenta sa che al risveglio, l’indomani mattina, il suo mondo sarà svanito. Ogni notte, precisamente alle 4:33, perde ogni traccia della memoria della giornata che ha appena trascorso e quando si risveglia è in grado di “rivivere” solo scene che riguardano il suo futuro.
Un diario su cui annotare tutti gli avvenimenti della giornata è l’unico mezzo, insieme al sostegno della sua migliore amica e di sua madre, per tenere insieme la sua vita.
Quando London conosce Luke, un nuovo studente del suo liceo, qualcosa dentro di lei cambia: inizia a essere tormentata da strani incubi che sembrano perseguitarla anche durante il giorno. Si tratta di tetre previsioni o traumi legati al passato? La strana forma di amnesia che affligge London può essere in qualche modo curata? Perché non riesce a vedere Luke nel suo futuro?"
 
***
 
Era da un po' che ero attratta da questo romanzo e finalmente verrà pubblicato in Italia a un prezzo mooolto incoraggiante! Voi lo state aspettando? :D

giovedì 12 luglio 2012

Recensione: Pandemonium (#2) di Lauren Oliver

Titolo: Pandemonium (Delirium #2)
Autore: Lauren Oliver
Editore: HarperCollins
Pagine: 384
Genere: Distopico, YA,
Ora pubblicato dalla Piemme Freeway con il nome di CHAOS!
(Trama tradotta da me)
Spoiler per chi non abbia letto Delirium!
"Spingo lontano il ricordo dei miei incubi,
spingo via il pensiero di Alex,
spingo via il pensiero di Hana e la mia vecchia scuola,
spingo,
spingo,
spingo,
come mi ha insegnato Raven.
La vecchia vita è morta.
Ma anche la vecchia Lena lo è.
L'ho sepolta.
L'ho lasciata dietro una recinzione,
dietro un muro di fumo e fiamme."

La mia recensione:

Delirium, il primo volume della trilogia che segue le vicende di Lena in un mondo distopico dove l'amore è proibito, è stato una rivelazione. Un viaggio potente e mozzafiato, che mi ha lasciata distrutta alla fine della lettura e con aspettative altissime verso Pandemonium. Lauren Oliver con ogni suo romanzo è riuscita a dimostrare un talento fuori dal comune grazie alla sua capacità di narrare storie forti ed emozionanti, che riescano a tenere il lettore con il fiato sospeso e a fargli provare innumerevoli sensazioni... sensazioni che, in Pandemonium - per quanto sia sicura che farà rimanere la maggior parte di voi, dopo averlo letto, letteralmente a bocca aperta e ancora più estasiati di prima - mi hanno costretta a non avere la più pallida idea di cosa pensare.
Pandemonium ha preso tutto ciò che la Oliver vi aveva lasciato credere e lo ha cancellato, alternando i miei stati d'animo tra l'indignata, l'irata e l'omicida, portandomi a divorarlo in pochissimo tempo e a leggere l'ultima pagina con la voglia di bruciare il libro per poi ballarci intorno. Devo ammetterlo, la Oliver ha avuto proprio un bel coraggio a continuare la storia di Delirium in questo modo, e adesso come non mai vorrei che fosse già Marzo 2013 per poter avere Requiem tra le mani e leggere, una volta per tutte, le risposte che aspetto da troppo, troppo tempo e che - purtroppo ne sono certa - la Oliver ha semplicemente evitato di scrivere per alzare la tensione e portare tutti i suoi lettori d'innanzi a un baratro prima di aiutarli a risalire.


Non mi dilungherò molto nel tracciare la trama perché chi ha già letto Delirium saprà perfettamente dove siamo arrivati. Alex è rimasto dall'altra parte della recinzione, spezzando il cuore a tutti noi lettori, mentre Lena è fuggita verso le Terre Selvagge, trovando riparo in una piccola comunità di Invalidi capitanati dalla coraggiosa Raven. Sarà proprio quest'ultima, nell'alternarsi tra i punti di vista di Lena, a insegnarle a vivere tra i suoi nuovi compagni e a darle una delle lezioni più importanti: il Passato va dimenticato.

“Ho passato così tanto tempo a cercare di non pensare al suo nome, a non respirarne neppure l'idea.” 

Pandemonium è diviso in due parti che si alternano con ogni nuovo capitolo, il "Prima" e l'"Adesso". Nel Prima leggeremo di Lena subito dopo Delirium e nell'Adesso della nostra protagonista dopo diversi mesi, ormai parte integrante della Resistenza e a lavoro in una New York completamente rivoluzionata. Entrambi i punti di vista andranno avanti fino a incontrarsi, accompagnati dalla scrittura della Oliver che anche in questo secondo romanzo è riuscita a farmi venire i brividi.
Ma è stato tutto rose e fiori? No.
Non posso dire che Pandemonium non mi sia piaciuto. Non posso. Ma posso dire che lo avrei adorato se fosse stato diverso. Ci sono state moltissime cose che mi hanno fatta non storcere il naso, ma incavolare seriamente, e nonostante tutto non riesco a togliermi dalla testa i vari eventi - o meglio, QUEL FINALE - e quel che potrebbe accadere in seguito. Per riassumere bene quel che provo in questo momento: tutto ciò che è accaduto in Pandemonium non mi ha sfiorata minimamente e, anzi, mi sono trovata spesso a voler uccidere la Oliver e a concentrarmi più su cose come la scrittura o eventuali ipotesi future che su quel che stavo realmente leggendo. L'unica parte in tutto il romanzo che è mi ha proclamata la Regina degli sca*zati è stata l'ultima pagina, che mi costringerà a lanciare maledizioni varie fino al prossimo Marzo.
Ma cos'è che mi ha impedito di apprezzare a fondo un romanzo che, immagino, farà impazzire la maggior parte dei lettori? Il fatto che la storia mi abbia in qualche modo delusa. E non per errori nella trama o qualsiasi altro motivo che potrebbe venirvi in mente, ma semplicemente perché ho iniziato questo romanzo con precise aspettative su quel che sarebbe successo, con una domanda BEN PRECISA a cui pretendevo una risposta, per ritrovarmi con ciò che volevo solo nell'ultima pagina e aver passato tutto il tempo a sentirmi emotivamente frustrata. Ora, credetemi, so che questa sia una spiegazione stupida e infantile, ma a quanto pare solo la Oliver è capace di farmi sentire così e procurarmi, per colpa di quel dannato cliffhanger, mesi e mesi di attesa che non passeranno mai abbastanza velocemente.

“Siamo dall'altra parte della recinzione ora, Lena", mi dice con voce stanca mentre passa. "Non capisci? Non puoi dirmi come mi devo sentire.”  

Consiglio questo romanzo? Si.
Anche se io  ho avuto i miei motivi personali per non amarlo e ho odiato il *maledizioni varie* terzo incomodo, anche se ho desiderato con tutto il mio cuore strozzare Lena e l'autrice perché NO, questa non me la dovevano fare, la Oliver rimane comunque piena di sorprese e, senza dubbio, le risposte arriveranno in seguito (e non nell'ultima pagina, Lauren, NO).
Inizierete al più presto a contare i giorni che vi separano da Requiem.

NO MA QUEL FINALE È IMPERDONABILE, LAUREN. SEI UNA *CENSURA*.

Voto: Modifica dell'ultima ora--non riesco a decidere quindi vi lascerò con un punto interrogativo.


Meglio in ebook o cartaceo?
Cartaceo! È pur sempre il seguito di Delirium...

Anteprima: "La Maledizione della Luna Nera", di Karen Marie Moning!

Nuovo mese, nuove uscite. E tra tutte oggi voglio parlarvi del terzo capitolo di una saga che inizierò a breve e che è amata da molti, "Fever" di Karen Marie Moning, in uscita il 26 Luglio in tutte le librerie italiane... La Maledizione della Luna Nera!!


Titolo: La Maledizione della Luna Nera
Titolo Originale: Faefever
Autore: Karen Marie Moning
Editore: Leggereditore
Pagine: 336
Prezzo: EUR 10,00
Data di uscita: 26 Luglio 2012

Trama

"Una Dublino piovosa, oscura e inquietante è il teatro di una caccia che si fa sempre più dura e implacabile. MacKayla Lane è ancora sulle tracce del Sinsar Dubh, un libro antico, potentissimo e misterioso, e per cercarlo si è trasformata in una predatrice spietata. Lei è l’unica a poter ‘sentire’ il Libro, e la sua dote attrae inesorabilmente altri cacciatori: Gerico Barrons, dalla sensualità prorompente, che vorrebbe acquisire i poteri magici del Libro, V’lane, dalla bellezza sovrannaturale, e che lo vorrebbe per consegnarlo alla sua Regina, e infine Rowena, la Gran Signora delle veggenti sidhe, la stirpe di cui anche Mac fa parte. A cosa dovrà arrivare Mac per contrastare questa minaccia terribile? Di chi si può veramente fidare? Con i suoi poteri, la sua forza e la sua intelligenza riuscirà a salvare l’umanità e a portare la Luce in un mondo che appare sempre più buio e oscuro?"
 
***
 
Cosa ne pensate? Sono in molti ad avermi suggerito di iniziare a leggere questa serie e, ora che la pubblicazione è arrivata già al terzo volume, credo proprio che inizierò a procurarmela!!
 
Anche voi state aspettando questo romanzo? :D

mercoledì 11 luglio 2012

Waiting On Wednesday #18 - The Casual Vacancy

Rubrica ideata da Breaking The Spine


Nuova puntata di Waiting On Wednesday, rubrica in cui ogni settimana (ipoteticamente parlando) parlerò di un romanzo che sto aspettando con ansia!
Quest'oggi è la volta del nuovo libro di J. K. Rowling, autrice di Harry Potter per cui ormai avevo perso le speranze ma che torna invece a-si spera-recuperare lo scettro con un nuovo, più maturo romanzo... The Casual Vacancy.

"Quando Barry Fairbrother muore a soli quarant'anni, la città di Pagford rimane sconvolta.
Pagford è, in parole povere, un idillio inglese, con una piazzetta lastricata e un'antica abbazia, ma ciò che si trova dietro la facciata è una cittadina in guerra.
Ricchi contro poveri, adolescienti contro i propri genitori, mogli contro i propri mariti, professori in guerra contro i propri alunni... Pagford non è quel che sembra.
E il posto vacante lasciato da Barry nel consiglio comunale diventerà presto il catalizzatore per la più grande guerra mai vista in città. Chi trionferà in delle elezioni gravide di passione, duplicità e rivelazioni inaspettate?
"




Titolo: The Casual Vacancy
Autore: J. K. Rowling
Editore: Brown and Company
In uscita il... 27 Settembre 2012 (forse in contemporanea anche in Italia)!

***

Lo state aspettando anche voi? :D

martedì 10 luglio 2012

Recensione: Dreamless di Josephine Angelini

Titolo: Dreamless (Starcrossed #2)
Autore: Josephine Angelini
Editore: Giunti
Collana: Y
Pagine: 448
Prezzo: EUR 16,50
Disponibile anche in ebook
*SPOILER per chi non abbia letto Starcrossed*
"Ritroviamo Helen, che nel frattempo è diventata la Discendente, la prescelta dagli dèi. Ogni notte si addormenta nel suo letto e raggiunge l'aldilà dove affronta prove indicibili per trovare le Furie, liberarle dalla loro ira e rompere così il ciclo di faide tra le Case. Ogni mattina si risveglia, stanchissima e provata, costretta a cominciare una nuova giornata di allenamenti. E' sempre più spossata e sofferente oltre che sola, dato che Lucas ora la tiene lontana. Helen è triste e profondamente sfiduciata, quando durante una delle sue discese agli inferi si imbatte in Orione, un semi-dio bello come il sole, capace di far tremare la terra e il suo cuore. Di notte si incontrano nell'Ade e di giorno si scambiano messaggi al cellulare. Lucas impazzisce di gelosia e in lui si scatenano poteri sconosciuti: adesso è in grado di controllare totalmente la luce e di rendersi invisibile. Divisa fra l'attrazione per il nuovo pretendente e l'amore impossibile per il cugino, Helen si ritroverà a sfidare i suoi limiti per il bene dell'umanità intera."

La mia recensione:

Era da un po' che dovevo scrivere questa recensione e finalmente, dopo aver concluso felicemente gli Esami di Stato, posso dedicarmi a parlarvi di un romanzo uscito poco tempo fa e che in molti stavano aspettando--me inclusa. Il seguito di Starcrossed (trovate la mia recensione qui!), Dreamless!

La storia riparte esattamente da dove eravamo rimasti. Helen ha ritrovato la madre, che adesso si trova lontana per motivi a lei oscuri, e ha scoperto di essere cugina di primo grado di Lucas, il ragazzo che ama, anche se appartenente a una Casata diversa. Ad aggiungersi al dover stare lontana dall'unico ragazzo per cui abbia mai provato qualcosa di veramente profondo, ora Helen--essendo il Discensore--deve recarsi ogni notte negli Inferi con lo scopo di trovare un modo per fermare le Furie e la maledizione che da sempre incombe sui semidei, costretti a uccidersi per debito di sangue.
Tra la solitudine, la stanchezza e i pericoli che lentamente verranno alla luce, Helen con l'aiuto di un nuovo ed esuberante amico dovrà vincere una corsa contro il tempo nella speranza di riuscire dove nessuno prima di lei ce l'aveva mai fatta.

Su una cosa non c'è dubbio: Se il primo romanzo di questa trilogia mi aveva tolto il fiato, questo seguito è riuscito a coinvolgermi ma non a conquistarmi.
Il triangolo NO!
Credo che il problema maggiore sia stato uno... la parte romance. Ho adorato la storia e il modo in cui i vari punti di vista si alternavano, ma non sono riuscita ad apprezzare la parte romance perché, prima di tutto, è stato introdotto lo stereotipo del triangolo--e Dio sa che io odio quando succede senza un buon motivo--e perché nessuno durante la narrazione è stato capace di fare due stupidi calcoli e capire che, no, in realtà Helen non è cugina di nessuno. E' stato davvero un peccato questa mancanza da parte dell'autrice, che sembra aver voluto a tutti i costi inserire un triangolo amoroso quando in realtà non se ne sentiva proprio la mancanza.
I personaggi, a cui come accennato poco fa si aggiunge l'esuberante Orion, sono rimasti gli stessi di Starcrossed e, nonostante alcuni semidei come Ariadne non riescano proprio ad andarmi a genio--è l'antipatia, che ci volete fare--ho adorato Claire e le sue battute e praticamente qualsiasi pagina in cui leggevo il nome di Lucas. La nostra protagonita Helen, invece, ha attraversato diversi momenti particolarmente complicati sia nella realtà che nel mio cuore. L'ho apprezzata quando non passava il tempo a sospirare dietro qualche ragazzo e ho sbuffato in qualsiasi sua scena con Orion--scene che ho trovato un po' forzate da parte dell'autrice, come se avesse voluto a ogni costo inserire il solito maledetto triangolo.

A parte il romance, in ogni caso, non posso dire di non aver apprezzato la storia che, più movimentata di Starcrossed, è stata piacevole da leggere e mi ha preso in contropiede verso il finale, incuriosendomi da morire su quel che l'autrice potrebbe avere in serbo per noi nell'ultimo capitolo della saga.
Dreamless è un romanzo che consiglierei a chiunque abbia e apprezzato Starcrossed e tutte quelle persone che vogliano immergersi in un mondo abitato da dei greci affascinanti quanto maledetti.

Voto: 3.5/5
 Meglio prendere Dreamless in formato...
Ebook o Cartaceo?
Cartaceo perché l'edizione è davvero bellissima!